Lo stallo dell’ala

  • Quando accade lo stallo?

Quando la vela perde portanza e non è più in grado di proseguire il volo.

  • Quali sono le due principali cause di stallo?

1) Stallo paracadutale: Il parapendio entra in stallo paracadutale quando la sua velocità rispetto all’aria non è più sufficiente a generare portanza. Si può indurre uno stallo frenando completamente e simmetricamente la vela fino alla sua entrata in stallo. La vela a quel punto perde portanza e precipita in avanti. Il pilota entra in caduta libera fino a che la vela non riacquista una velocità sufficiente. È da notare che la maggior parte delle vele moderne non entra in stallo nemmeno se frenata completamente, e per indurre uno stallo è necessario accorciare i freni.

2) stallo in velocità: Quando l’incidenza dell’aria rispetto al vento relativo superi un certo valore critico si verifica il distacco dei filetti fluidi dalla superficie dell’ala. Questa perde portanza ed entra in stallo.

  • Qual è il modo migliore di prevenire uno stallo?

Mantenere sempre una certa velocità di volo evitando angoli di incidenza elevati.

  • Quando è più pericoloso lo stallo?

Quando si è vicini a terra.

  • Che cos’è il post-stallo?

E’ quella condizione che si verifica quando si rilasciano troppo bruscamente i freni per uscire dallo stallo, creando una ripresa di volo troppo improvvisa e con elevato carico, con intuibili rischi in quanto la vela schizza in avanti ed in basso.

  • Quanto è l’angolo di incidenza durante lo stallo?

Durante lo stallo paracadutale l’angolo di incidenza è prossimo ai 90° non permette lo sviluppo di portanza.

  • Cosa fare se il comando del freno si alleggerisce?

Bisogna rilasciare il freno in quanto il filetto fluido non è più aderente all’ala e si rischia lo stallo. Se sento il freno alleggerirsi è sempre un segnale di pericolo.

  • Come deve essere il rapporto fra pressione statica e dinamica?

Costante.

  • Da cosa è data la pressione totale?

Dalla somma della pressione statica + la pressione dinamica

  • Cos’è lo strato limite?

Lo strato d’aria più vicino alla vela.

  • Se si vede un’ala molto inclinata ed il pilota ha le mani dei freni alti c’è da preoccuparsi?

No. se i freni non sono tirati non vi è rischio di stallo.

  • Quali sono le 4 forze in gioco in volo, opposte a coppie?

Peso (del pilota, del motore e dell’ala) e portanza, trazione (del motore) e resistenza (dell’aria)

  • Cosa gestisce la quota e la velocità?

Il motore gestisce la quota, la vela gestisce la velocità.

  • Il vettore del peso in quante componenti va scomposto?

Due, peso 1opposto alla portanza e peso 2 opposto alla trazione.

  • Quando è massimo il fattore di carico?
Nel volo livellato.
  • Dove posso vedere un filmato di stallo?

http://www.youtube.com/watch?v=PDjj58tz2sw

Annunci

One thought on “Lo stallo dell’ala

  1. in virata il fattore di carico aumenta il peso apparente e anche di molto. per questo è necessario dare motore se si vuole mantenere la quota in virata, per compensare l’aumento del carico alare. per lo stesso motivo aumenta anche la velocità, anche senza diminuzione dell’angolo di incidenza..

Lascia un commento che ci confrontiamo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...